10 milioni di euro per la qualità dell’aria, 100 per gli inceneritori.

(agenzia umbria notizie) – perugia, 9 feb. 011 – “La Regione Umbria ha presentato al Ministero dell’Ambiente un’ulteriore richiesta di finanziamento per interventi di miglioramento della qualità dell’aria nel nostro territorio”.  A renderlo noto è l’assessore regionale all’Ambiente, Silvano Rometti, precisando che “questo nuovo trasferimento di risorse, di circa 10milioni di euro, prevede l’erogazione di contributi, fino a un massimo del 60 per cento delle spese sostenute per l’attuazione di interventi che siano in linea con le misure previste nel Piano regionale di risanamento della qualità dell’aria e, di conseguenza, saranno destinate per le aree regionali di natura prevalentemente urbana individuate come maggiormente critiche dal punto di vista dell’inquinamento atmosferico”.

“La richiesta – puntualizza l’assessore – costituisce per l’Umbria il secondo attingimento ai fondi che il decreto ministeriale del 6 ottobre 2006 ha messo a disposizione delle Regioni per fronteggiare l’emergenza smog. Questa nuova erogazione, a valere su quote non utilizzate da altre Regioni, è resa possibile dalla completa attuazione, da parte dell’Umbria, del precedente programma di interventi oggetto dell’Accordo di programma già sottoscritto tra Regione e Ministero dell’Ambiente nel 2008″.

Questa è la nota dell’agenzia umbra (LINK), una contraddizione fortissima con il piano sull’ambiente regionale che prevede l’incenerimento dei rifiuti negli inceneritori, i maggiori responsabili dell’inquinamento dell’aria a causa dell’emissioni di diossine e nanoparticelle velenose.

0 0 votes
Article Rating
Segui la discussione
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments