Habemus PD alta marroggia

pd alta marroggiMeglio tardi che mai si potrebbe dire, anche se dobbiamo dirlo con qualche “ma”. A cosa ci riferiamo? Agli ultimi articoli usciti su alcune colonne di giornali locali riguardanti la pollina e il CSS (Combustibile Solido Secondario, in pratica immondizia usata come combustibile) e il loro incenerimento nei cementifici o in aziende private del territorio dove il circolo Pd Alta Marroggia si dice contrario e preoccupato per ciò che potrebbe accadere all’ambiente della zona se si decidesse di bruciare CSS nei forni della Cementir – http://www.spoletonline.com/?page=articolo&id=146132.

Non sappiamo se, come Spoleto 5 Stelle, possiamo gioire o fermarci a riflettere per la convergenza di idee su quanto andiamo divulgando dal lontano 2009, da quando facemmo quel fantastico convegno con il prof. Paul Connett, massimo esperto mondiale di riciclo industriale e urbano – per ricordarvi alcune cose dette rimandiamo a questo link: https://www.spoleto5stelle.com/paul-connett-la-strategia-rifiuti-zero/.
Non solo. Sempre in quel di San Martino in Trignano, quindi nel mezzo della zona indicata dal circolo Pd alta Marroggia, Spoleto 5 Stelle fece una conferenza informativa il 21 Marzo 2010 sull’argomento – https://www.spoleto5stelle.com/conferenza-informativa-su-incenerimento-cdr-2/
In quell’occasione si parlò di incenerimento di Cdr (combustibile da rifiuto), delle sue conseguenze e dei pericoli che ne sarebbero derivati.

Eppure c’è un però.
In una intervista a Spoleto7giorni di qualche tempo fa, il consigliere provinciale Capitani parlava dell’impianto della pollina, lo stesso sul quale oggi il circolo Pd Alta Marroggia esprime forti perplessità e forti preoccupazioni, e così si esprimeva: “Nella seduta della commissione sia arpa che asl che sono i soggetti atti e delegati alla salvaguardia dell’ambiente e alla tutela della salute umana, hanno ribadito quanto già espresso nella conferenza di servizi e cioè che questo tipo di impianto NON E’ ASSOLUTAMENTE PEGGIORATIVO RISPETTO ALLA SITUAZIONE ATTUALE E CHE ANZI PER ALCUNE COSE MIGLIORA LA SITUAZIONE DA UN PUNTO DI VISTA AMBIENTALE” (dal minuto 20.00: http://www.spoleto7giorni.it/video/?tubepress_page=8&tubepress_video=16656800)

Vorremmo ripetere alcuni concetti emersi in quella intervista. Il consigliere provinciale affermava che non era peggiorativo della situazione attuale (di allora) e noi chiediamo: cosa risultava a Capitani? Come era la situazione di allora? “Per alcune cose migliora la situazione da un punto di vista ambientale”: ci può illuminare il consigliere Capitani e tutto il Pd di allora quali sono queste “alcune cose” che sarebbero migliorate ad oggi, cioè dopo 3 anni da quell’intervista che viene oggi sconfessata dallo stesso circolo dello stesso partito?

E’ giusto quindi che il circolo alta Marroggia Pd chieda a Senatori e Deputati umbri, ma forse farebbe anche bene, se non meglio, a guardare molto più vicino, magari in Regione o in Provincia, cioè negli enti dai quali partono i provvedimenti che hanno permesso e permettono quello che il PD (solo ora) teme. Lo stesso Capitani cita le istituzioni referenti e che hanno partecipato istituzionalmente e cioè: Arpa, Asl, regione Umbria, Provincia di Perugia e Assessore ambiente Comune di Spoleto.

Ci auguriamo che il Pd si ravveda (al più presto) anche su altre problematiche conosciute di natura ambientale nel Comune di Spoleto, quei problemi per i quali ha dato in passato il suo benestare.

0 0 votes
Article Rating
Segui la discussione
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments