Interrogazione M5S Spoleto su inceneritore di pollina Novelli a San Martino

novelli inceneritoreEcco come un paesaggio caratteristico umbro, verde come non mai, di elevato interesse naturalistico, con uliveti, vigneti, boschi prati e coltivazioni, esteso su dolci colline possa essere deturpato, seviziato, inquinato e infine anche affumicato.

Siamo nella zona che da Uncinano si estende verso i monti Martani. Da un lato si può ammirare una collina di plastica verde-celestina, la discarica di S. Orsola che contiene i rifiuti di 15 anni di Spoleto e Foligno, dall’altro un mare di silicio di un mega impianto fotovoltaico di ben 6,8 ettari. Ancora un po’ più in là si staglia tra le colline la cementeria, alle cui spalle si può rimirare una grave ferita alla montagna, la cava di Santo Chiodo. Nel bel mezzo, proprio al cuore, è da poco attivo un inceneritore.

E’ in una posizione in cui il suo fumo può essere notato fin da Foligno. Se percorrete la superstrada potrete vedere chiaramente questa nube di fumo che invade la montagna. Per la sua posizione, direi quasi strategica, questo abnorme pennacchio si muove da nord a sud, a seconda del vento, non scontentando nessuno: ce n’è per Roselli, Montemartano, S. Severo, Uncinano e tante altre piccole frazioni fino ad arrivare giù a S. Martino.

Nel passato sono state vane le proteste per la costruzione di questo impianto. Ricordiamo la relazione di Legambiente (http://bit.ly/14GWfOK) in cui si evidenziava la pericolosità delle emissioni dell’impianto potenzialmente pericolose e il problema dello smaltimento delle ceneri, e il Consiglio comunale aperto richiesto dal Comitato Rifiuti Zero di Spoleto per testimoniare il NO di tremila cittadini agli inceneritori, tra cui proprio quello di pollina.
E l’amministrazioni locale? Sorda!

Nel 2009 la Società Agricola Umbra AGRIPOWER s.r.l, richiede l’ autorizzazione per la realizzazione dell’impianto di produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili (biomassa) della potenza nominale di 0,99 MWe. Nel 2010 viene concessa l’autorizzazione da parte della Provincia di Perugia alla realizzazione e alla gestione dell’impianto.
L’impianto viene costruito e a giugno di quest’anno l’inceneritore, che brucia le deiezioni di gallina provenienti dagli allevamenti avicoli di Novelli, è attivo, anche se, sembra, non ancora a regime.

Il Movimento 5 Stelle Spoleto, in seguito anche a varie segnalazioni da parte di cittadini del posto, ha presentato una interrogazione al Consiglio Comunale dove si chiedono chiarimenti
sulla situazione attuale dell’impianto;
sull’abnorme quantità di fumo emesso dall’inceneritore
e sull’olezzo pungente sentito nei dintorni.
Si chiede inoltre un monitoraggio delle emissioni, almeno per un anno, per mezzo di una centralina ARPA opportunamente posizionata nei dintorni dell’inceneritore di pollina, ed infine, quali misure si intendano adottare per essere sicuri che la pollina provenga esclusivamente dagli stabilimenti di Novelli e non da altre parti e che ciò che effettivamente viene scaricato e poi bruciato nell’impianto sia realmente pollina (vedi caso Scotti: http://bit.ly/16QQpxq).

novelli inceneritore

0 0 votes
Article Rating
Segui la discussione
Notificami
1 Comment
Inline Feedbacks
View all comments
Nicola

Salve a tutti, sono un attivista del gruppo bassa padovana. Qui nelle nostre zone stanno prevedendo la realizzazione di un impianto con combustione di pollina. Mi chiedevo se avevate delle informazioni aggiuntive, dati sui fumi e sui percolati del residuo combustibile. Purtroppo non ci sono molti dati certi in internet. Com’è andato a finire il vostro caso?